Ripristino Windows 7: video guide

Ripristino Windows 7
0 Flares 0 Flares ×

Windows 7 è sicuramente il degno sostituto di Windows XP sia per funzionalità sia per prestazione, da quando è uscito nel lontano 2009 di versione ne sono state rilasciate molte, con tanti e continui aggiornamenti che hanno permesso al sistema di diventare il più utilizzato e funzionale, allo stesso percorso sempre essere destinato il nuovo Windows 10 che dopo le prime problematiche sembra davvero migliorare il buon Windows 7.

Ovviamente come tutti i sistemi Microsoft non è esente da problematiche, pur essendo compatibile con moltissimi vecchi driver e programmi può essere necessario dover fare un ripristino Windows 7 per ripulire la sporcizia accumulata con il tempo e far ritornare alle massime prestazioni il proprio PC, con questo articolo voglio spiegarti come sia possibile farlo.

Nei prossimi paragrafi ti darò tutte le indicazioni necessarie per fare il ripristino Windows 7 nel caso il tuo computer abbia deciso di smettere di funzionare come si vede ed abbia bisogno di una risistemata.

La necessità di un ripristino della versione 7 di windows è quantomai utile nel momento in cui iniziano ad apparire a video messaggi di errore oppure il sistema rallenta, questo non vuol dire cancellare tutto quanto, Windows 7 permette di essere ripristinato senza dover ripartire da zero, ma semplicemente andando a recuperare i file di sistema corretti per far tornare windows alle sue normali funzionalità.

Ovviamente prima di far partire la procedura di ripristino Windows 7, che ti sto per spiegare, è sempre bene fare una copia dei propri dati, dei documenti, delle immagini, fare dei salvataggi dei vari programmi, copiandoli su un DVD, una chiavetta USB oppure un disco esterno, fatto questo segui le istruzioni che ti indico qui di seguito.

Windows 7 ha una funzionalità molto utile che permette di ripristinare il sistema ad uno stadio precedente senza toccare i dati presenti salvati sul computer, ma solo andando a ritroso nel tempo andando ad eliminare driver, programmi e software, installati successivamente alla data di ripristino Windows 7.

Questa procedura è utilissima, quando si nota che il computer rallenta o funziona male dopo aver installato qualche programma particolare, sfruttando i punti di ripristino si può far tornare il PC ad un punto precedente che sappiamo funzionasse ottimamente.

Windows crea in modo automatico i punti di ripristino tutte le volte che nel sistema vengono fatte modifiche consistenti, come l’installazione e la rimozione di driver oppure di software e di aggiornamenti di sistema.

 

Come si può effettuare il ripristino Windows 7 con questa funzionalità?

Basta cliccare sull’icona start dalla barra della applicazione, nel campo di ricerca scrivere “ripristino”, tra le voci che appaiono basta cliccare su “Ripristino configurazione di sistema”, si aprirà una nuova finestra con i vari punti di ripristino divisi per fata, ovviamente la prima in alto è quella più recente, basta andare a scegliere una data a ritroso per effettuare il ripristino di un punto più vecchio.

Per selezionare una data diversa da quella indicata basta selezionare il “check” relativo alla voce “Scegli il punto di ripristino diverso” e successivamente cliccare sul pulsante “Avanti”, scegliere la data e ricliccare nuovamente su “Avanti” e poi su “Fine”, fatto questo il PC viene riavviato ed inizierà la procedura di ripristino Windows 7 ed il tuo computer verrà riportato alla situazione temporale prescelta.

Più dati ci sono da ripristinare e più tempo durerà la procedura, soprattutto se la data di ripristino selezionata è molto vecchia.

Questa è la procedura di ripristino meno invasiva, si può invece effettuare un recupero più forzato utilizzando il disco di installazione Windows 7, basta inserirlo nel lettore CD/DVD oppure se l’avete su una chiavetta USB basta collegarla al PC, attendere che parta l’autoplay oppure se non parte aprire “Risorse del computer” andare all’unità dove avete i file di installazione e lanciare setup.exe.

A questo punto parte la procedura di installazione di Windows 7 cliccare sul pulsante “Installa” ed aspettare che termini la prima fase dove vengono caricati i primi file per temporanei, terminato questo passo, se sei collegato ad internet appare una schermata dove viene data la possibilità di scaricare gli aggiornamenti di sistema prima di procedere con il ripristino oppure farlo successivamente, sta a te decidere quale operazione effettuare.



Una volta confermata la scelta il passo successivo è quello di scegliere quale versione di Windows 7 ripristinare tra quelle proposte, scegli e poi clicca su “Avanti” per continuare, accetta le condizioni di licenza, click su “Avanti” e poi ancora su “Aggiornamento”, tempo qualche minuto e verranno copiati tutti i file per il ripristino al termine del quale il pc verrà riavviato.

Per questa procedura ti servirà il numero di serie di Windows 7, tienilo a portata di mano, perchè dopo diversi riavvii ti verrà chiesto di inserirlo per completare il ripristino.

Quando richiesto completa la configurazione del sistema, terminata la quale avrai effettuato il ripristino Windows 7 come si deve, pulito, stabile e veloce.

Ecco un interessante video di circa 3 minuti che spiega ad immagin come si fa il ripristino di Windows 7

 

Effettuare il ripristino di Windows 7 utilizzando un backup

Questi sono i due modi principali per fare il ripristino Windows 7, in caso tu ne abbia la necessità, non tutti sono a conoscenza che windows mette a disposizione un sistema di backup che permette, quando richiesto, di fare una copia completa di tutto il sistema, compreso di programmi, dati e software, una istantanea di Windows 7 ad un istante ben preciso, che si può riutilizzare nel caso windows smetta di funzionare.

Ripristinare da una copia di backup significa che tutto viene azzerato e poi ripristinato con il contenuto salvato nel backup, per chi vuole non perdere troppe informazione è bene quindi fare delle copie di frequente, salvarle su un disco esterno o su diversi DVD.

Per realizzare una istantanea del sistema, da poter eventualmente ripristinare successivamente in caso di necessità, bisogna utilizzare la funzione di ripristino raggiungibile, come in precedenza, dal menù Start, digitando la voce “ripristino” e selezionare “Backup e ripristino”, si apre una classica finestra di Windows 7 dove bisogna scegliere “Crea un’immagine del sistema” che si trova nella barra di sinistra e seguire le indicazioni a video.

Se i dati da salvare sono molti consiglio di utilizzare un disco esterno per fare il backup e non un DVD che potrebbe non contenere tutti i dati, cliccare quindi su “Avanti” e successivamente su “Avvia backup”, portare pazienza ed attendere finchè la procedura non è terminata.

Quando si presenta la necessità di ripristinare l’immagine salvata basta rientrare nella stessa sezione e selezionare “Ripristina le impostazionmi di sistema o l’intero computer”, poi andare su “Metodi di ripristino avanzati”, il passo successivo è andare alla voce “Utilizza un’immagine si sistema creata in precedenza”, da qui viene chiesto di selezionare il file immagine del backup salvato in precedenza, basta poi confermare per far partire la procedura ed il sistema viene ripristinato completamente alla versione salvata.

Ecco un video molto specifico (circa 11 minuti) dove ti viene spiegato come effettuare backup e ripristino di Windows 7 utilizzando il sistema di backup interno.

Questi sono i metodi per effettuare il ripristino Windows 7, da utilizzare nel caso tu voglia riportare il sistema ad una versione senza problemi.



0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×