Tastiere da gaming: suggerimenti per gli acquisti

Tastiere da gaming
0 Flares 0 Flares ×

Le tastiere per i videogiochi sono supporti molto preziosi per i gamer che si divertono tra sfide al volante, partite di calcio virtuali e sparatutto: come si può ben immaginare, però, i prodotti non sono tutti uguali tra loro, e scegliere quelli più adatti ai propri bisogni è il segreto per godersi tutti i titoli. Per esempio, c’è chi opta per tastiere di tipo meccanico piuttosto classiche e chi, invece, preferisce soluzioni che sono dotate anche dei pulsanti macro. Coloro che sono amanti di MMO, poi, possono privilegiare tastiere con sei o addirittura diciotto tasti dedicati, ma è bene sapere che in questo caso si sta parlando di prodotti di nicchia e, in quanto tali, non troppo economici. Non solo: proprio per la presenza di tasti extra, è chiaro che queste tastiere sono abbastanza voluminose e, di conseguenza, ingombranti.

Anche una tastiera gaming senza il tastierino numerico può rappresentare una soluzione da prendere in considerazione: e ciò è vero soprattutto se si è in cerca di un prodotto comodo da portare in giro e da trasportare, tenendo conto del peso ridotto e delle dimensioni più compatte. A volte tali tastiere offrono la possibilità di scollegare il cavo USB, il che fa sì che il trasporto sia ancora più pratico.



Un aspetto di rilievo, nella scelta della migliore tastiera da gaming, ha a che fare con l’illuminazione o – per meglio dire – con la retroilluminazione. Sono tre le opzioni da questo punto di vista: una retroilluminazione RGB, una retroilluminazione con un colore solo o l’assenza di retroilluminazione. A dir la verità, la questione è più estetica che pratica, visto che i gamer di solito non hanno bisogno di guardare i tasti che schiacciano, specialmente dopo che hanno acquisito un po’ di esperienza. L’illuminazione, insomma, è un fatto visivo e non di comodità: ecco perché può essere divertente sceglierla optando per abbinamenti cromatici con il mouse o con altri elementi.

Quel che è certo è che, quando si tratta di accessori per il gaming, scegliere una tastiera è meno complicato rispetto a – per esempio – scegliere un mouse. Il prezzo, la comodità e l’estetica sono i tre fattori in gioco: ognuno può decidere di assegnare una maggiore importanza a uno invece che agli altri, in base ai propri gusti, ai propri bisogni e alla quantità di soldi che può o vuole spendere. Certo è che il mercato propone una grande varietà di soluzioni, e facendo affidamento sui brand più famosi non si corre il rischio di sbagliare.

Volendo dare un consiglio generale, vale la pena di propendere per una tastiera meccanica, al di là del fatto che possa costare un po’ di più, sia perché garantisce una migliore esperienza di gioco sia perché – volendo – la si può usare anche per motivi che non hanno a che fare con il gaming, per esempio per il lavoro o comunque per l’intrattenimento personale. Infine, tra retroilluminazione RGB e retroilluminazione monocromatica cambia davvero poco, se non sul piano della resa visiva, senza che l’esperienza videoludica ne sia troppo condizionata.



0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×